Menu Chiudi

L’effetto zoom per scattare fotografie esplosive

effetto zoom pepsi
L’effetto zoom (o zoom burst) è una tecnica fotografica creativa di grande impatto che si ottiene ruotando l’obiettivo zoom in fase di scatto.
 
La variazione della lunghezza focale ad otturatore ancora aperto, produrrà un effetto blur radiale che dal centro dell’immagine si diffonderà verso l’esterno dell’inquadratura donando un senso di estremo dinamismo anche a soggetti solitamente statici.
effetto zoom palle biliardo

Vuoi sapere anche tu come scattare fotografie come questa?

Allora sei nel posto giusto ed in questo articolo ti mostrerò come realizzare straordinari effetti zoom direttamente in camera e senza l’uso di Photoshop.

Lascia subito che ti dica che non ti servirà chissà quale costosa attrezzatura, puoi benissimo ottenere questo effetto con una qualsiasi reflex ed un obiettivo zoom economico che non deve necessariamente garantire grandi escursioni focali, anche il comunissimo 18-55mm in kit con le fotocamere entry-level sarà perfetto.

Per ottenere risultati eccellenti sarà necessario anche l’uso di un treppiede perché avrai a che fare con tempi di scatto piuttosto lunghi e dovrai ruotare lo zoom velocemente con un movimento il più possibile fluido senza introdurre vibrazioni della fotocamera in fase di esposizione.

Soggetti ed orari migliori per ottenere l’effetto zoom

È possibile ottenere l’effetto zoom in qualsiasi orario, sia di giorno che di notte, ma non tutti i soggetti garantiscono risultati eccezionali così voglio darti qualche suggerimento che può esserti d’aiuto come spunto.
 
  • Se stai fotografando alla luce del giorno, prediligi come soggetti strutture ed edifici che presentano delle simmetrie o delle trame, ma anche strade, vicoli, i raggi di sole che filtrano tra le piante di un bosco, oppure luoghi con dettagli particolarmente colorati.
  • Se stai scattando di sera, prova ad inquadrare lo scorcio di una città illuminata, un edificio con qualche luce accessa, un ponte illuminato, le insegne al neon o le giostre di un luna park, sono tutti soggetti perfetti per garantirti risultati mozzafiato.

Come impostare la fotocamera

Durante l’esecuzione di questa tecnica il parametro principale a cui dare priorità è il tempo quindi per avere pieno controllo di ogni settaggio imposta la fotocamera in modalità Manuale.
 

Tempi di scatto

Il tempo di scatto deve essere abbastanza lungo da poterti permettere di completare il movimento di rotazione dello zoom.
 
Non esiste un unico valore per ogni situazione, dovrai sperimentare diversi scatti con differenti tempi a seconda della luce presente sulla scena e dal risultato che vorrai ottenere.
 
Per cominciare prova con tempi tra i 1s e 5s senza temere di spingerti oltre se necessario, sperimenta combinando tempi di scatto e velocità di zoom differenti e valuta quale settaggio è in grado di darti l’effetto che più ti soddisfa.
 

Messa a fuoco

Metti a fuoco in manuale per non rischiare di perdere dettaglio al centro dell’immagine durante la fase di zoom, ed imposta l’autoscatto o lo scatto remoto per evitare di introdurre vibrazioni di camera premendo il pulante a bordo macchina.
 

ISO

Imposta la sensibilità ISO più bassa possibile, ISO 100 andrà benissimo per allungare il tempo di scatto, mantenere la massima qualità ed evitare la presenza di rumore digitale.
 

Apertura del diaframma

Se sei in presenza di molta luce, chiudi il diaframma per evitare che l’immagine finale risulti sovraesposta a causa dei lunghi tempi di esposizione.
 
Valori a partire da F12 potrebbero già andare bene ma spingiti pure anche a F22 se lo ritieni necessario, trova la giusta apertura a seconda dell’illuminazione al momento dello scatto.

Come si esegue l’effetto zoom

Ok, ora che hai impostato correttamente la fotocamera puoi passare subito all’azione.
 
Componi l’inquadratura alla focale più ampia che intendi utilizzare, quindi fai zoom sul soggetto fino al punto in cui intendi terminare l’effetto e regola la messa a fuoco in questa posizione.
 
Avrai la certezza che il soggetto sarà definito nel momento dello zooming in cui riempirà maggiormente l’inquadratura.
 
Adesso riporta lo zoom alla ampiezza iniziale, premi il pulsante di scatto e contemporaneamente ruota lo zoom in avanti verso il soggetto, mantenendo il movimento il più fluido possibile mentre l’otturatore è ancora aperto.
 
L’ideale sarebbe terminare la rotazione nell’istante in cui l’otturatore si sta chiudendo.
 
La tecnica in se è piuttosto semplice, ma questo passaggio richiede un po’ di allenamento per padroneggiarla al meglio.
 
Non ti abbattere se non ottieni subito risultati eccellenti, tutto sta nel trovare la giusta sincronizzazione tra lo scatto e la zoommata e con la pratica svilupperai la sensibilità necessaria che ti permetterà di ottenere degli zoom burst davvero esplosivi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *